Lyn Alden dice di essere diventata „abbastanza rialzista“ nei confronti di Bitcoin all’inizio del 2020, e rimane molto ottimista in BTC in un recente articolo.

La stratega Lyn Alden ha detto di essere passata da „disinteressata a piuttosto rialzista su Bitcoin“ nel 2020. Dopo il calo di BTC a meno di 3.600 dollari a marzo, rimane ottimista sulla criptovaluta superiore.

Alden, che ha trovato Lyn Alden Investment Strategy, ha scritto:

„Quindi, io non sono né un perma-bull su Bitcoin a qualsiasi prezzo, né qualcuno che lo respinge del tutto. Come investitore in molte classi di attività, queste sono le tre ragioni principali per cui sono passato da un interesse disinteressato a un rialzo piuttosto rialzista sul Bitcoin all’inizio di quest’anno, e lo sono ancora oggi“.

Le tre ragioni esposte da Alden sono la scarsità, il dimezzamento e il potenziale del Bitcoin di fare da sfondo all’inflazione.

La scarsità di Bitcoin

A differenza delle attività finanziarie tradizionali, anche l’oro, l’offerta di Bitcoin è fissa. Non possono mai esistere più di 21 milioni di BTC, il che rende il Bitcoin una valuta deflazionaria.

La scarsità potrebbe dare valore al Bitcoin, spiega Alden nel suo documento. Non ci sono entità centrali che possano alterare la politica monetaria di BTC. Se la domanda di Bitcoin continua ad aumentare e la sua offerta rimane invariata, potrebbe spingere il valore verso l’alto.

Ha spiegato:

„Il protocollo del Bitcoin lo limita a 21 milioni di monete in totale, il che gli dà scarsità, e quindi potenzialmente gli dà valore… se c’è richiesta di esso“.

La scarsità di Bitcoin da sola non dà valore a BTC. Ci deve essere una domanda da parte del mercato per sostenerlo. Ma ci sono altre caratteristiche del Bitcoin, come la fungibilità, la trasportabilità, l’immutabilità e il decentramento, che lo rendono un pratico deposito di valore.

Il Bitcoin rimane anche altamente dominante su migliaia di valute crittografiche sul mercato. In termini di capitalizzazione di mercato, il Bitcoin rappresenta il 62,4% dell’intera capitalizzazione del mercato delle crittovalute. Questa cifra include le monete che potenzialmente non hanno liquidità sufficiente per giustificare la loro valutazione.

Il dominio del Bitcoin – e quindi il suo effetto di rete – rende il top della crittovaluta ancora più convincente come tenuta a lungo termine, ha detto Alden.

Il dimezzamento dell’11 maggio

L’11 maggio, la rete a catena di blocco Bitcoin ha subito il suo terzo blocco di ricompensa dimezzato. Circa ogni quattro anni si attiva un dimezzamento, rallentando la produzione di BTC della metà.

Lo scopo di un dimezzamento è quello di diminuire gradualmente il tasso di produzione di BTC man mano che il Bitcoin si avvicina alla sua fornitura massima di 21 milioni. Un dimezzamento taglia la metà delle ricompense che i minatori ricevono per i blocchi, portando ad una massiccia diminuzione delle entrate dei minatori per un breve periodo.

Dopo ogni dimezzamento, la Bitcoin ha storicamente visto aumentare i prezzi. I precedenti dimezzamenti si sono verificati nel 2012 e nel 2016. All’epoca, BTC era in bilico a 11 e 650 dollari nel 2012 e nel 2016. Ora, BTC rimane sopra i 9.000 dollari, dopo aver raggiunto il record di 20.000 dollari nel dicembre 2017.

Alden ha scritto:

„La Bitcoin si è storicamente comportata molto bene nei 12-18 mesi successivi al lancio e dopo i primi due semestri. La riduzione dell’offerta o del flusso di nuove monete, a fronte di una domanda costante o crescente di monete, non sorprende che tenda a spingere il prezzo verso l’alto“.

La performance storica di Bitcoin successiva ai precedenti dimezzamenti aumenta la probabilità di un’altra prolungata tendenza al rialzo.

Sullo sfondo di un aumento dei livelli di inflazione

Nel maggio 2020, l’investitore miliardario di hedge fund Paul Tudor Jones ha elogiato la Bitcoin e l’ha descritta come „grande speculazione“.

Tudor Jones ha detto di detenere poco più dell’1% del suo patrimonio netto in Bitcoin. Ha spiegato che la potenziale svalutazione della liquidità rafforza la proposta di valore di BTC.

Ha detto:

„Ogni giorno che passa da quel bitcoin sopravvive, la fiducia in esso salirà“.

Allo stesso modo, Alden ha detto che altri hedge fund hanno investito o sperimentato con il Bitcoin negli ultimi tempi.

„I fondi hedge più piccoli si sono già dilettati con il Bitcoin, e Tudor Jones potrebbe essere il più grande investitore ad oggi ad entrarci. Ci sono ora aziende che hanno servizi diretti a coinvolgere investitori istituzionali con Bitcoin, che si tratti di hedge fund, pensioni, family office o aziende RIA“.

Le metriche fondamentali, come gli asset under management (AUM) del Grayscale Bitcoin Trust (Btc), indicano che l’attività istituzionale nel mercato Bitcoin è in crescita. I dati mostrano che l’AUM di Btc è ora a 3,55 miliardi di dollari, circa 500 milioni di dollari in più rispetto al picco del 2017.

Una confluenza di BTC che raggiunga l’offerta fissa di 21 milioni di euro, un trend rialzista post-salvataggio e una crescente attività istituzionale potrebbero avvantaggiare l’andamento dei prezzi a lungo termine di Bitcoin.

Bitcoin: 3 motivi Lyn Alden, stratega del mercato, è sempre più rialzista

Beitragsnavigation